lunedì 2 settembre 2013

Parallele (Discontinuo VI)

Quando qualcosa va storto.

martedì 6 agosto 2013

D'io

E' proprio quando stavo per amarmi che mi sono lasciato.


mercoledì 19 giugno 2013

Peace and Love

I preparativi di una mostra, indossando l'arte, sentendo la frescura del condizionatore contrastare alla calura esterna, te puo' pure scappa' da piscia' in galleria.

camicia di Skah - "piss and love" - 1990

ph. Beppe Calgaro

venerdì 22 marzo 2013

Discontinuo VII


Discontinuo non è incoerente - discontinuo è sbilanciato.

E'elemento disturbatore, la moda del Bio!

martedì 22 gennaio 2013

Discontinuo VI


Discontinuo non è incoerente - discontinuo è sbilanciato.
E' quasi vuoto!



martedì 20 novembre 2012

domenica 4 novembre 2012

Discontinuo V

Discontinuo non è incoerente - discontinuo è sbilanciato.
E' un disordine inosservato.
E' quasi vuoto.



domenica 21 ottobre 2012

Antropologia grafica

file under _ :  "Segnaletica usefull"

martedì 9 ottobre 2012

Jack the DJ

A work from me: Printed canvas +  - acrilyc - spray. 30 x 40 cm. sept. 2012

domenica 7 ottobre 2012

venerdì 7 settembre 2012

Le déjeuner sur l'herbe


Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Colazione sull'erba
Colazione sull'erba
AutoreÉdouard Manet
Data1862-1863
Tecnicaolio su tela
Dimensioni208×264 cm
UbicazioneMusée d'Orsay, Parigi
Colazione sull'erba (Le déjeuner sur l'herbe) è un dipinto ad olio su tela di cm 208 x 264 realizzato tra il 1862 ed il 1863 dal pittore francese Édouard Manet, conservato al Musée d'Orsay di Parigi.
« I pittori, e specialmente Édouard Manet, che è un pittore analitico, non condividono l'ossessione delle masse per il soggetto: per loro il soggetto è solo un pretesto per dipingere, mentre per le masse esiste solo il soggetto. »

Descrizione [modifica]

Stando alle dichiarazioni di Manet, l'opera venne concepita dopo aver ammirato il Concerto campestre di Tiziano al Louvre.
Il dipinto venne esposto al Salon des Refusés nel 1863, dopo essere stato rifiutato al Salon ufficiale, provocando uno scandalo. L'accoglienza non fu, infatti, delle più miti: numerosi critici considerarono l'opera volgare, trattandosi di nudi femminili in libertà in compagnia di giovanotti borghesi. Ma non fu solo il soggetto a sollevare lo sdegno degli osservatori: anche la modernità nello stile, dal punto di vista cromatico e compositivo, venne aspramente criticata a Manet. Egli infatti utilizzò colori caldi giustapposti a quelli freddi per accentuare la loro vivacità. Il colore fu steso tramite pennellate rapide e veloci. La prospettiva non venne utilizzata in modo classico, anzi, sembrò quasi che i personaggi fossero stati incollati sul paesaggio; uno sfondo prospettico venne dato dalla presenza di alberi. Il quadro raffigura una colazione in un bosco, nei pressi di Argenteuil, dove scorre la Senna. In primo piano vi è una donna nuda che guarda verso il pittore, comodamente adagiata su un panno azzurro, probabilmente una parte delle vesti di cui si è liberata. La modella è Victorine Meurent, che posò anche per la figura di donna sullo sfondo, la quale è intenta a bagnarsi nel fiume. I due giovani in primo piano, vestiti elegantemente, sono Gustave Manet (fratello del pittore) e lo scultore olandese Ferdinand Leenhoff, amico di Manet. Nell'angolo in basso a sinistra, giacciono i vestiti delle donne e la colazione da cui l'opera prende il titolo.
Nonostante l'impianto compositivo sia di matrice classica, l'utilizzo di abiti moderni gettò scandalo, perché sembrava spogliasse l'opera d'arte dei suoi contenuti elevati. Anche la differenza proporzionale tra la donna sullo sfondo e la barca ormeggiata alla destra venne considerata un'imperizia da parte del pittore: in realtà i morbidi contrasti cromatici e l'utilizzo della prospettiva aerea in chiave moderna inscrivono l'opera nei capolavori del XIX secolo.

lunedì 3 settembre 2012

Logo

Suggested new logo for Apple. 

giovedì 30 agosto 2012

Discontinuo IV

Discontinuo non è incoerente - discontinuo è sbilanciato.
E' quasi vuoto!

venerdì 10 agosto 2012

mercoledì 8 agosto 2012

Discontinuo III

Come disporre le cose: L'ideale di equilibrio, soprattutto l'equilibrio del Relax e quello dell'Estetica, quello casalingo, è soggettivo, in special modo se a rappresentarlo, in quest'istante, c'è il riflesso del nostro ego. Direzione Noi stessi. Una parete di casa può esigere improvvisamente un gran quesito: Dove disporre noi Stessi?

martedì 7 agosto 2012

mercoledì 1 agosto 2012

Cocktail Futurista

Ricetta originale di F.T: Marinetti (dal libro: "Cucina Futurista"); Un intrigante cocktail dal sapore e dal profumo sovversivo.

martedì 31 luglio 2012

Walkin through the sky

Una domenica pomeriggio di luglio. Paesaggio irrequieto Estivo, di fine serata, al Lido di Volano.